fbpx

Laurea in Cybersecurity, deep learning, CatchUp di Facebook, aggiornamento Windows 10, Cisco e internet

Condividi su:
Ascolta “Pisa e la Cybersecurity, Deep Learning, Facebook, Windows 10, Cisco” su Spreaker.

Pisa, laurea magistrale in Cybersecurity

A settembre presso l’Università di Pisa inizierà il corso di laurea magistrale in “Cybersecurity”.

Come scrive l’Ateneo, questo è il primo corso di laurea in Italia riguardante gli aspetti dei software ma anche degli hardware, includendo dispositivi elettronici, propagazione del segnale e sistemi biometrici.

GianLuigi Ferrari, direttore del dipartimento di Informatica, commenta così: “Il cyberspazio ha le sue fondamenta nel mondo fisico. Tutti i sistemi informatici sono realizzati utilizzando i circuiti integrati (hardware) presenti in tutti i moderni dispositivi elettronici. I circuiti stanno diventando più veloci, più economici e più potenti, e ciò ha permesso lo sviluppo di tecnologie chiave come l’intelligenza artificiale, l’Internet of Things e i sistemi autonomi, da cui la crescita economica e la sicurezza nazionale dipendono sempre di più. La sicurezza hardware, pertanto, si concentra sulla protezione dei sistemi dalle vulnerabilità a livello fisico dei dispositivi. In questi sono inclusi anche i sistemi biometrici, come per esempio i sistemi per il riconoscimento delle impronte digitali o il riconoscimento facciale”.

Sicurezza di software e hardware quindi, per inquadrare la sicurezza informatica nelle organizzazioni che devono proteggersi dal rischio informatico, legale e giuridico.

Malware esaminati da un modello di deep learning

STAMINA (STAtic Malware-as-Image Network Analysis) è un progetto nato dalla collaborazione di Microsoft e Intel: con una tecnica innovativa è possibile convertire un malware in un’immagine da far analizzare ad un classificatore AI.

Il codice malevolo (virus, trojan, ecc) viene convertito in una serie di pixel, che costituiranno un’immagine a scala di grigi. Le immagini sono analizzate con il metodo del deep learning da una rete neurale addestrata su immagini di malware e di file innocui.

Come sappiamo, la sicurezza informatica è fatta a strati: una buona sinergia tra il metodo del progetto STAMINA e controlli più tradizionali è la soluzione per migliorare la sicurezza delle macchine, salvaguardandole dai troppi falsi allarmi.

In questo progetto Microsoft ha messo a disposizione una parte della sua libreria di malware, circa 2,2 milioni di file infetti raccolti anche grazie ai programmi di sicurezza endpoint presenti in ogni PC, mentre il classificatore deep transfer learning si basa su una ricerca di Intel.

CatchUp, l’app di Facebook per le videochiamate

Facebook ha lanciato la sua nuova app sperimentaleper le videochiamate. CatchUp, già disponibile negli Stati Uniti, non ha bisogno di alcun account.

Sono presenti le videochiamate one-to-one e i gruppi fino a 8 persone.

L’app funziona con l’elenco dei contatti presenti nella nostra Rubrica, e dalle impostazioni sulla privacy, è possibile scegliere quali contatti possono unirsi alle chiamate. L’utente può mostrare la propria disponibilità in un determinato momento.

Questa non è la prima app sperimentale di Facebook. Qualche mese fa Facebook ha lanciato in Canada e negli Stati Uniti Tuned, una chat a due per condividere umore, musica e album digitali. L’estensione agli altri Paesi dipenderà dal successo riscosso negli Stati Uniti. Resteremo aggiornati sugli sviluppi.

Microsoft rende disponibile l’aggiornamento Windows 10 May 2020 Update

Noto come Windows 10 versione 2004 o Windows 10 20H1, è l’aggiornamento principale di Windows di quest’anno, e porta con sé diverse novità.

Il nuovo sistema operativo integra Windows Subsystem for Linux 2, con un kernel Linux custom dalle prestazioni migliori rispetto alla prima versione. Microsoft lo ha reso open source in modo che gli sviluppatori possano creare la propria versione del kernel e contribuire ai cambiamenti.

Dopo l’aggiornamento sarà più facile:

  • accoppiare dispositivi Bluetooth ai PC Windows 10
  • eseguire l’autenticazione senza password – tramite impronta digitale, PIN o Windows Hello –
  • la gestione dei desktop virtuali

La casa di Redmond ha anche migliorato la memoria del browser Microsoft Edge e ha rinnovato il Blocco Note.

Integrazioni e modifiche per quanto riguarda l’accessibilità, con un’app dedicata all’assistente digitale Cortana, anche se inizialmente sarà accessibile solo negli Stati Uniti.

Aggiornamenti per il Task Manager, con l’indicazione della tipologia di disco installata e la temperatura della GPU dedicata.

Windows 10 May 2020 Update è disponibile ma questo non significa che l’aggiornamento venga proposto subito a tutti i PC: per passare a Windows 10 May 2020 Update bisogna andare in Windows Update e fare la ricerca manuale degli aggiornamenti.

Cisco e L’Internet del Futuro

Cisco ha recentemente organizzato un incontro chiamato “Costruiamo l’Internet del Futuro”, coinvolgendo alcune telco italiane.

La prima considerazione riguarda Internet, che ha retto un impatto enorme in termini di traffico generato, sia per i contenuti multimediali in streaming che per gli strumenti per lo smart working come Webex, con le grandi infrastrutture della Rete che hanno visto una richiesta incrementata del 33% in una settimana.

Il lato pericoloso riguarda l’incremento di minacce e crimini informatici. Cisco fornisce l’esempio della giornata del 3 aprile, dove sono state indirizzate più di 9 milioni di richieste di connessione verso domini con i termini “corona” o “covid”, riconducibili a phishing o malware.

Cisco è consapevole che questa nuova normalità significa fornire agli operatori ed in accordo coi loro CTO reti sempre più sicure, automatizzate, per assicurare business continuity, velocità nel riconfigurarsi e nel dare servizi, reti che realizzino davvero la convergenza dei servizi 5G e FTTH, offrendo velocità che continueranno a crescere per sostenere la digitalizzazione del Paese, a costi sempre più competitivi.” Queste le parole di Paolo Campoli, Service Providers Sector Leader di Cisco.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal blog:

Data protection per l’healthcare

Sono aumentati del 42% gli attacchi informatici nel 2022, rispetto all’anno precedente. Nessuno può sentirsi completamente al sicuro o trattare con leggerezza il tema della protezione dei dati, soprattutto per le aziende che gestiscono dati sensibili come quelli inerenti alla salute delle persone.

Leggi Tutto »
Gli ultimi annunci di lavoro