fbpx

IBM e Cisco, email truffa con oggetto Coronavirus, la collaborazione tra Eni e Microsoft, gli aggiornamenti di Windows e i rischi dello Smart Working

Condividi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

IBM e Cisco uniscono le forze per la scuola a distanza

“Il nostro Paese si trova ad affrontare una situazione senza precedenti, dove il digitale si sta rivelando uno strumento importante per la resilienza. Stiamo mettendo a disposizione le nostre competenze e le nostre tecnologie affinché gli studenti possano continuare ad apprendere: questo è parte integrante del nostro impegno e della collaborazione che abbiamo con le amministrazioni locali e le scuole di tutto il Paese, attraverso il nostro programma Digitaliani”.

Così spiega Agostino Santoni, CEO di Cisco Italia. L’azienda prosegue con l’intento di aiutare scuole, studenti e insegnanti con la formazione a distanza.

IBM fornisce un servizio di supporto alla piattaforma, grazie all’aiuto di 350 esperti e volontari dell’azienda.
Per aderire al servizio bisogna inviare una mail all’indirizzo fondazione@it.ibm.com, indicando i recapiti della scuola che richiede supporto.

Cisco Webex è una soluzione di cloud computing con strumenti avanzati di sicurezza per garantireprivacy e protezione dei dati condivisi durante ciascuna sessione.

Epidemia Coronavirus, i cyber criminali ne approfittano.

I criminali del web stanno approfittando dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, per diffondere pericolosi malware. L’esigenza di lavorare da remoto, viene interpretata come un’ottima occasione per rubare. credenziali e dati di qualsiasi genere agli utenti.
“Non abbiamo mai visto nulla di simile. Stiamo assistendo a campagne di truffe online massive che sfruttano questo Coronavirus” – ha dichiarato un ricercatore di sicurezza informatica di Proofpoint.

Ma quali sono le precauzioni da prendere per non cadere in queste trappole?

  • Leggere l’oggetto del messaggio: se in questo periodo ricevi una mail che ha come oggetto qualcosa inerente al Coronavirus… massima allerta. I cyber criminali sanno bene che la componente emotiva delle persone aumenta la riuscita di un’operazione illegale.
  • Il mittente: mai dare per scontato che sia vero. Il campo “da…” delle email può essere riempito da qualunque nome, bisogna quindi prestarci molta attenzione.
  • Errori grammaticali o ortografici: spesso e volentieri nelle email di spam sono diffusi molti errori.
  • Il logo: un altro campanello di allarme. Se è sfocato o se ha anche solo una minima differenza rispetto all’originale è meglio non aprire la email.
  • I link: se nelle email sono contenuti dei link è sempre meglio condurre ricerche in parallelo, senza mai cliccare su questi. Nell’URL può nascondersi qualcosa di pericoloso.

Collaborazione tra Eni e Microsoft

La digitalizzazione di Eni passa da Microsoft. Le due aziende hanno lavorato insieme per garantire al gruppo energetico un Knowledge Management System, con un’architettura a microservizi realizzata con l’intelligenza artificiale.

L’obiettivo è quello di fornire un modello per tutti i Paesi in cui Eni opera, integrando gestioni di problem solving per abbattere i costi e per fornire una cultura comune.

Con la nuova piattaforma cloud abilitata per l’intelligenza artificiale, gli utenti possono utilizzare un social network aziendale in cui condividere esperienze e best practice, valorizzando le eccellenze di Eni. Grazie a Azure Cognitive Search, le conversazioni vengono archiviate per poter recuperare video, documenti e informazioni utili.

Le due aziende puntano a valorizzare le competenze di ogni utente, grazie a un vero e proprio sistema di gamification che stimola la condivisione dei propri lavori. Inoltre, una Business Intelligence dashboard monitorerà i KPI operativi e strategici, così come i flussi di lavoro dei dipendenti.

A partire da maggio, Windows cessa gli aggiornamenti cumulativi opzionali

Gli Aggiornamenti Cumulativi sono pacchetti completi di molte correzioni che possono variare dalle falle di sicurezza, a quelle di stabilità, e molto altro. Tutte queste piccole modifiche vengono inserite in un Aggiornamento Cumulativo di Windows che viene distribuito con cadenza settimanale.

Da maggio, Microsoft ha affermato che non distribuirà più questi pacchetti per le versioni supportate di Windows 10 e Windows Server. La motivazione sembrerebbe legata ai problemi organizzativi derivanti dalla pandemia di Coronavirus, anche se confermano la priorità per gli aggiornamenti di sicurezza.

L’obiettivo rimane quello di evitare la diffusione di bug critici che in questo momento possono essere risolti rapidamente. E con questa stessa motivazione, la casa di Redmond aveva messo in pausa tempo fa gli aggiornamenti per Edge, come tra l’altro ha fatto anche Google con Chrome.

Alcuni rischi rischi per le aziende con lo smart working

In questa situazione, lavorare da remoto diventa necessario, con le aziende che devono affrontare alcuni rischi legati alla sicurezza dei propri dati.
Infrastruttura e servizi potrebbero non riuscire a supportare un numero troppo alto di connessioni VPN contemporaneamente, causando disagi ai dipendenti che devono accedere alle risorse interne.
Sovraccaricando il reparto IT di lavoro, si rischia di non implementare le policy di accesso, autorizzazione e autenticazione, permettendo ai lavoratori di accedere a cartelle per cui non sono autorizzati. È bene quindi che l’azienda chiarisca i client VPN supportati, così come servizi e applicazioni.
Secondo le tipiche policy IT, ogni accesso non autorizzato deve essere bloccato. Si raccomanda l’abilitazione della crittografia del disco per tutti gli endpoint, così da ridurre al minimo il rischio di accesso ai dati sensibili.

Condividi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal blog:

Web: perché non ne puoi fare a meno?

45 minuti per scoprire come il web ti può aiutare a sviluppare la tua attività. Partecipa all’evento gratuito in streaming, il 27 novembre alle ore 16:00 riservato alle aziende e agli imprenditori del Ticino.

Leggi Tutto »

Cybercrime: quanto costa ad un’azienda?

La sicurezza informatica è un aspetto di assoluta importanza all’interno di tutte le tipologie di business. Ogni violazione dei dati costa in media all’azienda 3,86 milioni di dollari a livello globale e 2,90 milioni di euro in Italia.

Leggi Tutto »
Gli ultimi annunci di lavoro

Sistemista Senior

Per la nostra sede centrale stiamo cercando un SISTEMISTA SENIOR in possesso dei seguenti requisiti: · Ottima conoscenza del sistema operativo Windows Server 2016 e/o 2019 (Client

Leggi Tutto »

Sviluppatore Microsoft

Per un nostro ambizioso e stimolante progetto, stiamo creando un Team di Sviluppatori Microsoft.   Se stai cercando un’opportunità che ti consenta di crescere professionalmente,

Leggi Tutto »