fbpx

Cinquanta visiere protettive alla Croce Rossa di Lodi

Condividi su:

E’ successo stamattina, dopo settimane di lavoro. ITCore Group ha donato 50 visiere protettive paraschizzi alla Croce Rossa di Lodi, per sostenere e proteggere il lavoro degli operatori a contatto quotidiano con l’emergenza Corona Virus sul territorio.

Tutto è partito da un semplice sentimento, dall’ovvia spinta a “voler far qualcosa” per aiutare chi è in prima linea, quelli che, come la CRI. Ed è partito da colleghi come Gianluca Mattatelli e Angelo di Lauro, grandi appassionati di stampa 3D e attenti ricercatori di questo settore.

Gianluca, in particolare, fa parte di quella schiera di eroici tecnici informatici che in ITCore Group lavorano direttamente nei presidi ospedalieri della Lombardia per garantire assistenza tecnica agli operatori che, ovviamente, devono avere computer, stampanti, reti e dispositivi sempre funzionanti.

Da tempo sappiamo che con la tecnologia di stampa 3D si possono risolvere problemi in modo più veloce che attraverso i normali processi industriali o produttivi. Ma in questo frangente non conta solo la disponibilità di tecnologia ma, anche e soprattutto, la disponibilità di idee, di iniziativa. Lo sa bene il nostro collega Gianluca che su Instagram ha un profilo molto attivo sul quale pubblica le sue realizzazioni.

Gianluca e Angelo hanno fatto prove, esperimenti, verificato modelli adatti e alla fine ne è venuta fuori questa soluzione.

Le visiere protettive paraschizzi sono composte da due elementi:

  • un film in plexiglass che è la vera e propria barriera protettiva
  • una struttura di aggancio per il film e per consentirne la “vestibilità”

Questo ultimo componente è quello che viene stampato in 3D. Un processo tutt’altro che ovvio e che ha richiesto 4 stampanti e oltre 100 ore di lavoro.

Ma ne valeva la pena.
Le visiere sono state consegnate nella sede della CRI lodigiana alla presenza degli operatori e della Presidentessa Lucia Fiorini.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal blog:

Data protection per l’healthcare

Sono aumentati del 42% gli attacchi informatici nel 2022, rispetto all’anno precedente. Nessuno può sentirsi completamente al sicuro o trattare con leggerezza il tema della protezione dei dati, soprattutto per le aziende che gestiscono dati sensibili come quelli inerenti alla salute delle persone.

Leggi Tutto »
Gli ultimi annunci di lavoro